recensioni

Recensioni

Crisi e lavoro: quello che non va e le storie a lieto fine

Interessante giornata di confronto al Centro Impiego su staffetta generazionale, cassintegrati che si comprano (e rilanciano) l’azienda e disoccupati che si inventano un nuovo lavoro

Ancora un momento di confronto ad alto livello con le aziende del territorio, questa mattina al Centro per l’Impiego della Provincia di Reggio Emilia, grazie al  nuovo appuntamento proposto dalla Provincia di Reggio Emilia per riflettere sulla crisi ed elaborare strategie ed azioni comuni. “Vogliamo che i servizi pubblici per l’Impiego siano anche luogo di incontro e di confronto di esperienze significative del territorio, sia per allargare e migliorare la qualità delle nostre relazioni con cittadini e imprese, sia per favorire e stimolare l’innovazione e la crescita a livello locale   – ha detto il vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Pierluigi Saccardi, in apertura di lavori – Queste occasioni di confronto, che la Provincia promuove periodicamente, sono di ancora maggiore utilità nei momenti di crisi economica, produttiva e sociale, come il periodo che purtroppo stiamo oggi vivendo”.

Ad aprire la giornata è stato Vincenzo Ricciari dell’Osservatorio regionale del mercato del lavoro e della formazione Èupolis Lombardia, che ha proposto una interessante riflessione sui giovani e l’innovazione. Dopo aver tra l’altro ricordato come nei tempi di crisi i parasubordinati e gli atipici abbiano una probabilità di perdere il lavoro rispettivamente superiore di 9 e di 5 volte rispetto agli altri lavoratori, Ricciari ha espresso forti perplessità sia sul funzionamento dell’apprendistato, sia sui risultati delle riforme del lavoro succedutesi dal 1997 ad oggi, invitando i territori a investire sui settori innovativi, “perché una assunzione qui ne crea altre 5 nei servizi, mentre una assunzione nel manifatturiero solo altre 2”.

Ancora più drastico è stato Andrea Gandini, docente di Economia aziendale dell’Università di Ferrara, chiamato a parlare di staffetta generazionale e buone pratiche per aumentare l’efficienza nell’impresa. Addirittura impietoso il raffronto con la Germania e in generale in Paesi del Nord Europa dipinto attraverso una serie di dati che davvero parlano da soli.    Dalla percezione dei nostri adolescenti sul lavoro che li attende (solo il 5% lo prevede di tipo manuale, anche se il 40% finirà per farlo, contro un 40% di tedeschi che se lo immagina così, e nel 42% dei casi lo farà davvero) al tipo di scuole professionali: 4 anni passati a lavorare per 3 giorni e studiare per 2 in Germania, 5 anni a studiare e basta (e con sempre meno ore di laboratorio) da noi, “ma se tu passi quattro anni a lavorare 3 giorni la settimana come orafo, e a studiare da orafo per due, ci sono molte probabilità che alla fine tu l’orafo lo sappia fare davvero…”.

Per non parlare di pensioni (in Germania, dove certamente non si guadagna meno, solo il 7% delle pensioni supera i 3.500 euro netti mensili, in Italia ben il 17%) e di politiche del lavoro, da noi fondamentalmente passive più che attive: “Noi abbiamo questo baraccone della cassa integrazione che ci è costata 80 miliardi dal 2008, in Germania se cala il lavoro, riducono magari l’orario di 6 ore, 2 ore le paga l’azienda, 2 il lavoratore, solo 2 lo Stato che così ha molte più risorse  per le politiche attive”, ha detto Gandini giudicando molto negativamente “certe contrattazioni sindacali degli anni Ottanta e Novanta che chissà per quanto tempo ancora pagheremo…”.

Venendo alla staffetta generazionale , “ora possibile anche in Emilia-Romagna dopo che la Regione ha finalmente provveduto”, può essere una soluzione: “Prevede che se un lavoratore over 55 passa per gli ultimi due anni al part-time, e l’azienda contestualmente assume un under 30, l’Inps paga ugualmente i due anni di oneri contributivi e questo può in effetti aiutare a portare innovazione nelle imprese e risolvere il problema di esuberi e personale obsoleto meglio che con la cassa integrazione o i prepensionamenti – ha aggiunto –    E poi a oltre i 60 anni la gente cambia, sul lavoro dovrebbe avere un ruolo essenzialmente formativo, occuparsi di quello che sa fare bene e non dell’ordinaria amministrazione…”.

Simona Caselli, presidente di Legacoop, ha quindi illustrato il fenomeno dell’acquisizione di aziende in crisi da parte dei dipendenti e di quanto sia efficace per creare e mantenere la rete d’impresa locale. Il workers buyout – in pratica il riacquisto da parte di dipendenti in cassa integrazione di aziende per lo più in procedura concorsuale – proprio grazie alla cooperazione, e dunque proprio a Reggio Emilia, sta diventando oggetto di studio un po’ in tutta Europa. Già quattro le esperienze positive: dall’azienda di nicchia che lavora il legno in montagna, al cravattificio di Sant’Ilario per griffes famose rilevato dalle donne dipendenti,  all’impresa che rischiava di saltare non tanto per la crisi, ma per la morte del titolare, fino al caso più emblematico, l’ex ceramica Magica oggi Greslab di Scandiano. “Era una ceramica in fallimento che da 60 lavoratori era scesa a 33 e ora, grazie all’impegno degli ex dipendenti e alle innovazioni introdotte, nonostante la crisi del settore è arrivata a dare lavoro a 66 persone, ma con una fatica incredibile”, ha sottolineato Caselli. “Perché  se non ci fosse stato il sistema cooperativo ad affiancarli nella fase iniziale, così come avviene per tutte le start-up, e se non ci fosse stata la Banca etica a credere in loro, questa impresa meravigliosa non sarebbe mai nata – ha detto – Ancora oggi un sistema bancario atavico e privo di una cultura di startup, stenta a dare fiducia a questa azienda che pure ha fatto tutto quello che i testi di economia insegnano si debba fare: ha innovato il prodotto, comprato un nuovo forno, ha cambiato mercati e raddoppiato il fatturato. Ma non ottengono nessun aumento del fido bancario a breve, perché ancora non producono utili…”.

A chiudere l’interessante mattina, il caso della cooperativa sociale “Tutteleporte”, fondata da un gruppo di persone iscritte al collocamento mirato dopo un’azione di formazione professionale co-finanziata dalla Provincia di Reggio Emilia. “Abbiamo deciso di crearci da soli quel lavoro che all’esterno non riuscivamo a trovare, mettendoci insieme e offrendo qualcosa che sul mercato non c’era – Dopo aver bussato appunto a tutte le porte per rientrare nel mondo del lavoro, abbiamo deciso di unirci in una cooperativa in modo da valorizzare le loro professionalità e oggi offriamo ai privati, alle aziende ed agli enti servizi accurati, professionali ed a prezzi concorrenziali per quanto riguarda tutti i cosiddetti lavori di casa, dal’idraulico al muratore all’elettricista”.